Jane McAdam Freud – Intervista su THE FLUX REVIEW - CE Contemporary Milano

Jane McAdam Freud – Intervista su THE FLUX REVIEW



Jane McAdam Freud è una scultrice e artista multidisciplinare pluripremiata e acclamata a livello internazionale. Musei e istituzioni iniziarono molto presto ad acquisire i suoi
rilievi e disegni. La scrittura è una parte importante della sua pratica e McAdam Freud ha pubblicato oltre venti articoli sui suoi lavori e processi. Laureatasi con lode nel 1981 presso la Central School of Art di Londra, ha ricevuto a Roma la British Art Medal Scholarship, un riconoscimento che ha conseguito per tre anni. Ha continuato a tenere corsi
brevi presso il Royal College of Art mentre dal 1993-95 combinava quel ruolo con un master (titolo del progetto: Forms of Relief).
 
Le opere di Jane McAdam Freud sono presenti nelle collezioni permanenti di musei e collezioni pubbliche di tutto il mondo. A casa, la rappresentanza nel Regno Unito
include BM, V&A, Ashmolean e Fitzwilliam. Il British Museum ha fatto la sua prima acquisizione nel 1979 mentre era ancora una studentessa. Freud è attualmente Visiting
Lecturer alla Central St. Martins. Il suo studio sulla psicoanalisi di Sigmund Freud ha portato a una serie di collaborazioni con istituti a New York e Los Angeles, 
un interesse focale che continua a informare la sua pratica. Il lavoro di Freud trova spesso ispirazione dalla ricca fonte del suo background familiare, facendo riferimento
sia alla straordinaria collezione di sculture antiche di Sigmund Freud sia all'eredità culturale della psicoanalisi che ha avuto il suo effetto profondo e duraturo sulla psiche
contemporanea.

Sei entrata nelle arti con tanta passione, tenendo la tua prima mostra personale quando stavi ancora studiando per i tuoi A-level. Puoi raccontarci il tuo viaggio
nella professione e cosa ti ha ispirato a diventare un artista?
Sono sempre stata appassionata di arte. Le meraviglie dei materiali e la loro sensualità sono iniziate nella sabbiera, come può essere il caso di tutti i bambini della scuola
materna. Il fatto è che non l'ho mai perso. A quei tempi suonavamo a Cats Cradle con lo spago avvolto intorno alle dita, i Jack con i rebbi di metallo lanciati in aria e presi 
di nuovo; la sensazione dei materiali che passavano attraverso le mie mani era infinita e costantemente rinnovata ad ogni gioco.
Ho anche questo forte ricordo d'infanzia di insegnare a mia madre i principi di base della prospettiva usando le scatole (che sono sicuro doveva aver già conosciuto).
Ha sempre creduto in me e mi ha incoraggiato però.
Questa passione per il disegno e per la tattilità dei materiali è iniziata molto prima che comprendessi le implicazioni del fatto che i miei genitori fossero artisti e questo forse è stato percepito dagli altri come "ombra" in qualche modo su di me. Soprattutto per quanto riguarda l'enorme successo di mio padre come pittore.
Il miglior consiglio che mia madre mi ha dato è stato di "pagaiare con la mia canoa" e di non usare il nome, Freud. (Per non parlarne affatto !!) 
Questo mi ha salvato in molti modi, mentre cercavo di stabilire il mio percorso nella Scultura.
Quando stavo facendo i miei livelli A all'età di 16 o 17 anni, i miei tutor al Putney College hanno deciso di mettere in una mostra personale dei miei lavori. 
È stato un grande onore essere stati selezionati per rappresentare il loro meraviglioso programma. A quei tempi ero semplicemente Jane McAdam, quindi le mie connessioni 
freudiane erano completamente nascoste e inespresse. Penso che mi abbia fatto bene essere totalmente me stesso e avere il permesso di prosperare da solo.
Certamente ha fatto bene alla mia fiducia in tenera età, quando generalmente ci manca proprio ciò di cui abbiamo bisogno.
Sappiamo che non hai visto tuo padre Lucian Freud per 23 anni. Com'è stato incontrarlo di nuovo dopo una separazione così lunga?
Mia madre ci ha fatto trasferire in una nuova zona di Londra e non l'ho visto per così tanto tempo. Mi sono quasi dimenticata di lui a livello cosciente;
La nostra connessione era diventata dormiente. In un certo senso mi sono arreso ad esso come parte del modo in cui stavano le cose. 
Questo lavoro chiamato Fort Da, un concetto freudiano che descrive una situazione dell'esistenza dell '"altro" solo quando lui / lei è in vista.
Quando ci siamo riuniti ero una persona molto mia e mio padre si è interessato al mio lavoro. È stato emozionante. Gli ho mostrato le foto di alcuni dei disegni
che avevo fatto a Roma durante la mia borsa di studio. Mi ha detto cose che hanno cambiato la traiettoria di quello che stavo facendo. 
Uno dei momenti più memorabili è stato quello di mescolare "lavorare su tutte le scale". Ad esempio, l'ho preso come non classificato come medaglia. 
Questa direttiva, che ha a che fare con la varietà di scala, mi ha fatto sentire incredibilmente libera di provare non solo scale e materiali diversi per la mia scultura,
ma anche di provare diversi media. Sono incuriosito dal fatto che attualmente sto dipingendo, cosa che pensavo non mi sarei avvicinata.

Avere uno dei tuoi pezzi acquisito dal British Museum all'età di 19 anni deve aver dato una spinta incredibile alla tua fiducia come artista. Com'è stato e come ha influito sulla
tua arte?
È terribile dirlo, ma avevo l'arroganza della giovinezza e lo davo per scontato. Avere un'opera acquisita dal British Museum così presto mi ha fatto pensare
che fosse normale. Tutto è iniziato in alto col senno di poi. A quel tempo vedevo i musei come un po' soffocanti e bramosi dopo essere stati rappresentati
da una galleria commerciale! Questo sembra ridicolo ora e adoro i musei ora nella mia maturità. Il BM e il V&A hanno continuato ad acquisire i miei lavori.
Penso che a meno che tu non abbia già un forte senso di autostima, sia molto difficile provare sentimenti di autocompiacimento e io non l'ho mai fatto.
La mia fiducia era alta e la mia autostima era bassa se questo ha senso. Ho provato sia sentimenti di vittoria che una sorta di ambivalenza.
Triste che la sensazione di vittoria sia stata guastata dall'ambivalenza, anche se col senno di poi è quasi inevitabile con tutta quella conoscenza repressa
sull'essere la figlia di mio padre, ma non essere in grado di celebrarla in alcun modo nel caso avessi offeso mia madre o fosse andato contro il suo consiglio.
Quali Ispirazione hanno influenzato la realizzazione del dipinto Where Way is Up?
È la domanda che ci stiamo facendo tutti in questo momento.

Con un corpo così vasto di lavoro, devi avere alcuni pezzi che hanno un significato più speciale - puoi parlarci di qualche opera d'arte
che ti ha influenzato emotivamente più di altre?
Stranamente è una serie di disegni che ho realizzato nel 1999 in preparazione di una scultura che lavorava dalla mia sorellastra Annabel.
Il disegno che mostro sopra è stato acquisito dal Dipartimento di Stampe e Disegni al V&A nel 2001. Inoltre, altre opere cariche erano i disegni, i rilievi e le sculture
che ho fatto lavorando da mio padre alla fine della sua vita.
Dato che questi lavori sono carichi di emozioni, non mi piace parlarne troppo. Ho alcune delle primissime piccole opere in bronzo del 1989-90 che detengono
anche quella carica emotiva per me, poiché sono state realizzate durante periodi molto intensi della mia vita, dal punto di vista relazionale.
Ti sei ritagliato una carriera di grande successo e sei stato raccolto e onorato come Jane McAdam. 
Era importante che le persone ti rispettassero come artista a pieno titolo senza conoscere la provenienza della tua famiglia?
La mia meravigliosa saggia madre sapeva che questo era importante e mi consigliò di tacere sulla mia eredità come ho detto prima. In qualche modo sembrava
sapere tutto in anticipo! Come forse molti bambini, pensavo che mia madre fosse una creatura magica. Il lavoro mostrato direttamente sopra si chiama
Eros e Thanatos: psicologicamente parlando, il bagno di acqua tiepida, anche se confortevole, si dice che sia "simile alla morte".
Se restiamo troppo a nostro agio non ci riusciamo forse? Freud ha detto che l'istinto di morte, Thanatos, potrebbe essere sostituito all'autoconservazione.

A quali artisti ti ispiri e perché?
Artisti femminili come Eva Hesse e Louise Bourgeois mi ispirano. Hanno reso grande l'uso di tutti i tipi di materiali, inclusi stoffa, reti e indumenti propri.
Adoro il modo in cui Hesse è rimasta affascinata dall'argomento tabù delle "palle appese" che ricorda così il sacco testicolare.
Lei e Bourgeois (con le sue immagini di ragno) hanno portato una curiosità femminile umoristica nel mondo dell'arte, mentre forse hanno preso una piega
nell'establishment maschile. Amo anche gli artisti concettuali come Marcel Duchamp per il suo uso ingegnoso di oggetti trovati e John Baldessari per la sua ispirazione
a tutti noi come artista e insegnante. Penso sempre a Baldessari quando guardo i lavori del mio ex professore John Stezeker.
Penso anche che sia interessante il fatto che all'inizio ho amato l'artista pop britannico Peter Blake e il suo modo di mescolare la cultura popolare con soggetti
come la Madonna e il Bambino e metterli fuori contesto. Penso che la mia pittura recente sia tornata all'inizio delle mie ispirazioni poiché contengono 
qualcosa di questo immaginario "pop".
Il tuo lavoro è conservato nelle collezioni di istituzioni come la National Gallery, il British Museum e il National Arts Club, New York, USA.
Ce ne sono altri in cui vorresti vedere il tuo lavoro esposto? Da bambina, volevi esporre alla Tate, è ancora un'ambizione?
Stranamente ho fatto una mostra alla Tate Modern quando è stata inaugurata in una mostra che celebrava artisti "locali"!
Questo era il primo passo, lo sentivo allora, ma vorrei comunque mostrare con uno dei grandi nomi come Tate, Serpentine, Whitechapel o ICA ecc.,
I nomi con i quali sono cresciuta e che ho sempre ammirato. Il mio lavoro però è concentrarmi sul prossimo pezzo!

Insegni e prendi parte regolarmente a seminari. È importante condividere le tue conoscenze ed esperienze con la comunità artistica?
Penso davvero che sia importante essere in grado di guardare sia indietro che avanti e quindi condividere la tua esperienza con chi ti sta dietro. 
Mi piace cercare di rendere il mio lavoro accessibile, eccitante o almeno illuminante, motivo per cui mi piace insegnare corsi brevi e fare presentazioni. 
Ho scritto molti articoli sui miei lavori e sul mio processo. Baldessari ovviamente è la mia ispirazione per questo dato che lo fa così bene !!
Qual è la tua ispirazione per il dipinto Id and Ego?
Questa serie, realizzata sui pannelli di casse di legno smontate, presenta quasi tutte Peter, mio ​​marito e la mia musa ispiratrice, nella vasca da bagno
e sono tutte basate sull'idea di 'riflettere', su ciò che era, cosa è, passato e presente come visto attraverso la lente della teoria freudiana.
Id and Ego raffigura il "bagnante" che riflette mentre è in un bagno di acqua tiepida mentre lascia regnare il suo id fluttuante, mentre l'ego sensibile (il conscio)
trova la sua strada nella contemplazione meditativa. Questa visione di Peter è quella che vedo ogni mattina mentre facciamo il bagno alle due estremità della vasca.

Stiamo vivendo una pandemia: come ha influito sul tuo lavoro?
Bene, ho realizzato il video - Immaginare che la luce si spenga. Sembrava una risposta urgente alle morti che si accumulavano come le zecche del metronomo.
Questo è quello che è successo nei primi giorni della pandemia nel Regno Unito.
Come scrisse Bertolt Brecht sui tempi bui nel 1938 (un anno prima degli effetti devastanti degli eventi che portarono alla seconda guerra mondiale), 
“Nei tempi bui ci sarà il canto? Sì, ci sarà il canto dei tempi oscuri ... " Molti artisti stanno inevitabilmente realizzando lavori sui nostri tempi bui.
Ho realizzato io stesso una serie che sarà esposta a novembre in Georgia (il paese), noto come la nuova Berlino nel mondo dell'arte.

Puoi definire il significato dell'arte concettuale per te?
L'arte concettuale, per me, è arte basata sul testo e sulle idee (piuttosto che focalizzata sull'arte di qualsiasi pezzo finito). 
Ha a che fare con la sperimentazione e la messa in discussione. Può essere un modo di esibire o esprimere che non segue le tendenze tradizionali.
Un esempio potrebbe essere il mio video sull'oscuramento di un'opera d'arte come in "Immaginare l'uscita della luce".
Quando è buio non vediamo l'opera, ma la domanda è: l'opera esiste ancora? Come se esistessimo ancora quando tutto diventa buio per noi.
Mi piace questa osservazione di Iron Rand: "Non moriamo, è il mondo che muore per noi".

Puoi parlarci della tua recente mostra nel Regno Unito all'Headstone Manor Museum - The Intelligent Instinct, e in particolare del pezzo It's Not About Us?
Ebbene, il titolo della mia mostra al Headstone Manor Museum, The Intelligent Instinct, si riferiva al modo in cui realizzo le mie opere.
Questa mostra ha utilizzato oggetti provenienti dall'area locale del Museo. In risposta all'antica comunità di cacciatori e raccoglitori, ho cercato di fare lo stesso. 
Nel recuperare i miei scarti ho sentito di dipendere da un caso fortuito e da una reazione istintiva a un oggetto. Se scendessi per una strada potrebbe esserci
una cosa e se scendessi per un'altra qualcos'altro potrebbe richiedere la mia attenzione / raccolta.
It's Not About Us è un lavoro che utilizza oggetti domestici, cioè graffette. È stato ispirato da quello che mi ha detto mia madre quando ero curioso di sapere
quanto sia più difficile per una femmina avere successo. Stava parlando della società e della storia e sentiva che "non si trattava di noi"!
che è qualcosa che viene affrontato ora nell'arte, nella storia dell'arte.

Come riesci a tenere il passo con le idee che hai e puoi parlarci del tuo processo dal concetto iniziale al pezzo finale?
Ebbene, le idee sono tutti gli avvenimenti che ci circondano, e come diceva Louise Bourgeois "Art is Life".
Sono molto impressionabile e anche se sembra che abbia fatto un sacco di lavoro (e quando guardo indietro l'ho fatto), non mi sembrava così in quel momento. 
Quando inizio un progetto, è una sorta di spirale e si ferma all'improvviso non appena inizia: esaurisco la forza e ho un periodo di riflessione, ed è allora che scrivo.
Ho scritto diversi articoli sui miei lavori e molti sono stati pubblicati su riviste. Questa scrittura sembra condurmi al mio prossimo progetto.
Ho sempre viaggiato e vissuto all'estero per corsi, residenze, ecc. Penso che questo allarghi il tuo raggio d'azione, perché ci sono tante contraddizioni culturali. 
Ad esempio, ciò che si pratica e si crede in una cultura è spesso visto come un enigma completo in un'altra. Ho imparato a non scendere da nessuna parte, 
quindi tutto resta a disposizione per essere curioso e interrogato.
A cosa stai lavorando attualmente e hai progetti per il futuro di cui i nostri lettori dovrebbero sapere?
La mia musa ispiratrice, come potresti intuire, è la Teoria Freudiana e, come detto, sto lavorando sul mezzo della pittura al momento. 
Il dipinto è iniziato con il disimballaggio delle casse contenenti le mie grandi sculture al loro ritorno nel mio studio. 
Ciò ha coinciso con i fenomeni di pandemia della Corona che hanno cambiato la vita nel marzo 2020. 
Le nostre vite sono diventate più piccole poiché l'interno del proprio ambiente sembrava incarnare un mondo. 
Ho guardato queste casse di diverse dimensioni e tutte in cui potevo facilmente inserirmi (alcune più comodamente di altre). 
Mi hanno parlato delle scatole in cui viviamo e in cui finiamo ed ero disperato di smontarle e creare qualcosa da ciascuno dei pannelli, per valorizzarli
e conservarli nel modo in cui Bourgeois teneva i suoi cappelli facendone opere d'arte.
Ma in questo ultimo mese o giù di lì, sto completando una serie di lavori su carta sulla nostra nuova normalità in cui parliamo tutti agli oggetti. 
Quando dico oggetti intendo davvero immagini, come nel movimento di immagini l'una dell'altra su Zoom e su altre piattaforme. 
Queste sono le opere che saranno esposte in Georgia dalla splendida giovane curatrice Vija Skangale.
Descrivi la tua giornata perfetta?
La mia giornata perfetta è dipingere tutta la mattina, cucinare un pranzo abbondante, fare una lunga passeggiata tranquilla, addormentarmi davanti
a uno dei miei cofanetti preferiti e scrivere / documentare nel pomeriggio fino alle 17:00. Poi l'ufficio è chiuso e mi godo di più la preparazione del cibo, la tv, 
la lettura e il pensiero. Bene, è così quasi tutti i giorni, ma ovviamente dipende da come mi sento in salute, in termini di energia e di umore.
Leggi l'articolo
Scroll to top