Stefania BERETTA

 

paesaggi improbabili 2011 #16_C-print + cucito 50x70 ©stefaniaberetta

Paesaggi improbabili 2011

Dall’inizio degli anni ’80 compie lunghi viaggi in Europa, Asia (in particolare in India) e America. Inizia ad esprre nel 1985; la Fondazione Svizzera per la Fotografia nel 1987 sceglie per il libro ”Il Ticino e i suoi fotografi” un reportage eseguito in uno dei suoi viaggi in India,intitolato Rito di cremazione.

Nel 1991 la Televisione della Svizzera Italiana le dedica un filmato “ritratto di una fotografa”.

Nel 1995 vince il primo premio per la fotografia della Società ticinese di belle arti. 

Il 1994 la porta a soggiornare sei mesi alla Cité Internationale des Arts di Parigi grazie alla borsa di studio conferitale dalla Visarte: nasce da quella esperienza la pubblicazione nel 1997 di Paris noir per le edizioni della rivista Pagine d’arte, Lugano-Milano. 

Nel 1997 la Fondazione Galleria Gottardo di Lugano, realizza una interessante iniziativa, dando un mandato a fotografi europei di documentare il San Gottardo. Stefania Beretta realizza delle suggestive immagini dal titolo Sud-Nord. L’iniziativa, sarà poi oggetto di una mostra itinerante, accompagnata da un importante catalogo intitolato Il San Gottardo

Nel 1998 è invitata dal Centro culturale Europos Parkas di Vilnius (Lituania) per svolgervi un lavoro personale. Nello stesso anno riceve una borsa di studio federale dalla Fondazione Gleyre (Svizzera).

Dal 1980 effettua frequenti viaggi in Europa, Asia e America; Città d’Europa, edito da CGA&P di Lugano nel 1998, raccoglie molte immagini di questi viaggi, che testimoniano questo suo modo di essere.

Nel 2000 la casa editrice trans photographic press di Parigi le pubblica il libro rooms lavoro successivamente esposto in diverse gallerie d’europa. Nel 2002 la medesima casa editrice le pubblica il libro Trop e nel 2006 pubblica il libro In Memoriam.

Dal 2001 riceve l’incarico dalla Rolex per il progetto The Rolex Mentor&Protégé Arts Initiative di seguire e documentare l’incontro di alcuni dei maggiori artisti contemporanei e giovani talenti di tutto il mondo.

Nel 2004 SRG SSR Idée Suisse realizza Photosuisse in collaborazione con la Fondazione Svizzera per la Fotografia e l’editore Lars Müller; si tratta di film-ritratto accompagnati da una importante pubblicazione di 28 fotografi svizzeri che in collaborazione con la Pro Helvetia si trasforma in una mostra itinerante. 

Dai suoi frequenti viaggi in India scaturisce una piccola ma preziosa pubblicazione intitolata indiarasoterra, realizzata in occasione della esposizione alla galleria Cons Arc a Chiasso.

Nel 2005 riceve la borsa di studio dalla Fondazione Landis&Gyr di Zugo per il soggiorno di sei mesi nell’atelier di Londra.   

Nel 2006 su invito della Fondazione Credito Valtellinese e dell’agenzia Grazia Neri, fotografa le cave di marmo in Sicilia e Marco Anelli (fotografo di Roma) le cave in Valtellina. Il lavoro intitolato Cave sarà poi esposto in una mostra itinerante e pubblicato in un libro.

La Fondazione Bogliasco, Centro Studi Ligure per le Arti e le Lettere, a Bogliasco (Genova) assegna a Stefania Beretta la borsa di studio per il semestre autunno-inverno 2009.

Nel 2010 su invito della Fondazione Creito Valtellinese realizzalizza delle immagini sul tema della Ferrovia Retica per una pubblicazione

accompagnata da una mostra itinerante con i fotografi Francesco Cito e Margherita Spiluttini.

Nel 2011 viene invitata a esporre insieme a fotografi di fama internazionale alla mostra Eyes on Paris presso la Deichtorhallen di Amburgo.

La stessa mostra nel 2015 viene esposta al Kunstmuseum Pablo Picacco di Münster.

Nel 2016 il Museo Comunale dArte Moderna  le didica una mostra personale dal titolo Una Segnaletica dell’Essere.

Dal 1985 espone regolarmente in Svizzera e Europa. Sue fotografie si trovano in numerose collezioni pubbliche (ad esempio la Bibliothèque nationale di Parigi e la Fondazione svizzera per la fotografia) e private.

Vive a Verscio (Svizzera).  

 

Mostre personali

2016

  • Museo Comunale d’Arte Moderna, Ascona

2014

  • Maurer Zilioli Contemprary Arts, Monaco, Deutchland
  • Galerie Monika Wertheimer, Oberwil

2011

  • MIA Fair Milano, Maurer Zilioli Contemporary Arts Brescia, Italia

2010

  • Galleria Balmelli, Bellinzona
  • Maurer Zilioli, Contemporary Arts, Brescia, Italia

2009

  • Galleria UnimediaModern, Genova, Italia
  • Museo Cantonale d’Arte, Lugano, Italia
  • 2007 Credito Siciliano, Acireale, Italia
  • Fondazione San Antonio, Noli, Italia
  • Museo Palazzo Sertoli, Sondrio, Italia
  • Galerie Beck&Eggeling, Düsseldorf, Germania

2006

  • Galleria Palladio, Lugano

2004

  • Galleria Beck&Eggeling, Düsseldorf , Germania
  • Galleria CONS ARC, Chiasso
  • Espace Abraham Joly, Ginevra, Svizzera
  • Kunst Forum Rottweil, Germania

2003

  • Galleria Belmont, Flims

2002

  • Galleria, SpazioFoto, Firenze, Italia
  • Casorella, Locarno

2001

  • Villa Pavoni, Lottigna

2000

  • La Rada, Locarno, Galleria, Zwischenraum bei Scalo, der Schweizerischen Stiftung für die Photographie, Zurigo, Svizzera
  • Galleria, La Chambre Claire, Parigi, Francia

1998

  • Galleria, SPSAS, Locarno

1997

  • Galleria, Pagine d’Arte, Lugano, Italia

1996

  • Galleria, Art Photographique, Ginevra, Svizzera

1994

  • Spazio XXI, Bellinzona

1991

  • Galleria Odeonart, Biasca, Italia

1987

  • Musée Municipale de St. Paul de Vence, Francia

1986

  • Galleria, Saqqârah, Gstaad, Svizzera

 

Mostre collettive

2016

  • Maurer Zilioli Contemprary Arts, Monaco, D – Summary

2015

  • Galerie Beck&Eggeling, Düsseldorf D
  • Palazzo Tagliaferro, Andora, I – MARE
  • Picasso Museum, Münster D, Paris im Blick
  • Sala Arsenale Castelgrande, Bellinzona – Ticino in luce  – Percorsi fotografici 1915-2015
  • Museo Cantonale d’Arte, Lugano, Immagini dalle collezioni del museo
  • CACT, Bellinzona, collettiva di fotografia
  • Mediterraneo, I Volti della Metafora, Yacht Club, Monaco F

2014

  • Whitelabs, Milano Photographie en pointure, Italia

2013

  • Centro di Sarro, Roma Il corpo solitario nell’autoscatto a cura di Giorgio Bonomi, Italia
  • 8a Biennale dell’Immagine, Spazio Officina,Chiasso, Svizzera

2012

  • Palazzo Del Duca, Senigalia, Italia
  • Maurer Zilioli Contemporary Arts Brescia, Italia
  • Galleria Cons Arc, Chiasso, Italia

2011

  • Deichtorhallen, Haus der Photographie, Eyes on Paris, Hamburg, Germania

2010

  • La visione dello spazio: mostra itinerante: Valle d’Aosta, Trieste, La Spezia, Italia
  • Gallerie UnimediaModern e VisionQuest Genova, Bad Girls, Italia

2009

  • Galleria Refettorio delle Stelline, “Dopo la Sicilia, a Milano” Milano, Italia
  • Museo Villa dei Cedri “Ipotesi di un delirio No.2” Nando Snozzi Bellinzona, Svizzera
  • Museo Cantonale d’Arte, Lugano, Difesa della Natura
  • Museo Provinical de Bellas Artes, Cordoba, Argentina, Photosuisse
  • La visione dello spazio, mostra itinerante: Oderzo, Treviso, Sondrio, Genova, Alessandria, Savona, Terribly Emotional, Pescara, Rimini, Italia
  • Studio Ghiglione, Genova, Italia, Italia
  • Arte Fiera Bologna, con la Galleria Beck&Eggeling Düsseldorf, Germania

2008

  • Galleria Credito Siciliano, Dopo la Sicilia, Acireale, Italia
  • Soletta, Svizzera, Fama Fame
  • Centro Congressi Lingotto, La visione dello spazio, Torino, Italia
  • Museo de arte Zapopan, Photosuisse,  Guadalajara, Messico
  • Centro de la Imagen, Photosuisse, Mexico City, Messico
  • Galleria Beck&Eggeling, 2 Jahre new quarters, Düsseldorf, Germania
  • Bunkier Sztuki Contemporary Art Gallery, Photosuisse,Frakow, Polska
  • Galleria Silvy Bassanese, Terribly Emotional, Biella Italia

2006

  • PhotoSuisse, Pinacoteca Casa Rusca, Locarno, Svizzera

2005

  • PhotoSuisse, Centro Culturale Svizzero, Roma , Italia
  • Festival Nature & Paysage, La Gacilly, Francia
  • 2004 Centro d’Arte Contemporanea, Bellinzona, Svizzera
  • Bourse du Travail, Cannes, Francia

2003

  • Forum Culturel Blanc-Mesnil Parigi, Francia
  • Biblioteca cantonale Bellinzona a piedi – Compostella
  • Chiasso Culture in movimento Museo cantonale d’Arte, Lugano collezione Fondo Cotti
  • PhotoforumPasquArt, Bienne Nu

2002

  • Museo Palazzo Sertoli, Sondrio

2001

  • Kunst Museum Olten Collezione Fondo Cotti

2000

  • Museo delle Alpi, Berna Il San Gottardo
  • Musée des beaux arts di La Chaux-de-Fonds Collezione Fondo Cotti

1999

  • Sosta d’arte Biennale di Fescoggia

1999

  • Espace Courant d’Art, Chevenez
  • Museo Cantonale d’Arte, Lugano
  • Aubenades de la Photographie, Aubenas

1998

  • Trevi Flasch Art Museum Biennale Nazionale, Trevi
  • Amor sacro amor profano San Pietro in Atrio, Como, Italia

1997

  • Antico Monastero Delle Agostiniane, Montecarasso
  • Galleria Gottardo Lugano Il San Gottardo come arteria

1996

  • Maison des Arts du Grütli, Ginevra, Svizzera

1995

  • Esposizione al Grand Passage, Ginevra, Svizzera
  • La Collezione di fotografia della Banca del Gottardo Galleria Gottardo, Lugano
  • Galleria Matasci, Tenero, Centro d’arte contemporanea, Bellinzona

1992

  • Centro Commerciale Bellinzona Polaroid”50X60″, iniziativa Galleria Gottardo
  • Galleria Cons ARC, Chiasso

1987

  • Museo Cantonale d’Arte, Lugano

1986

  • Galleria Focale, Nyon, Svizzera
  • Galleria IF, Milano, Italia

1985

  • Casinò di Montbenon, Losanna, Svizzera

 

Opere in collezione

  • Fondazione Svizzera per la fotografia Winterthur, Svizzera
  • Fondazione Festival Photo, La Gacilly, Francia
  • Fondazione Credito Valtellinese, Milano, Italia
  • Fonds Cantonal de décoration et arts visuel Ginevra, Svizzera
  • Fondo Cantonale della Cultura Ticino
  • Collezione di opere d’arte del comune di Chiasso
  • Centre Pompidou, Paris, Francia
  • Bibliotheque Nationale Paris, Francia
  • Musée Carnevalet Paris, Francia
  • Collezione Fondo Comunale Carlo Cotti Lugano
  • Ente Ospedaliero Cantonale Ospedale Italiano Lugano
  • Banca del Gottardo Collezione di fotografia, Lugano
  • Banca dello Stato di Chiasso
  • Credit Suisse Chiasso, Bellinzona, Ascona e Zurigo, Svizzera
  • UBS Chiasso
  • Banca Cial Locarno
  • Banca Raiffeisen, Acquarossa

 

Premi

2009

  • Borsa di Studio Fondazione Bogliasco, Genova, Italia

2005

  • Borsa di studio Landis&Gyr, Lundra, GB

1998

  • Centro culturale Europos Parkas, Vilnius, Lituania
  • Borsa federale Gleyre

1995

  • Primo premio STBA Lugano

1994

  • Cité Internationale des Arts Parigi, Francia