FEDERICA MARANGONI – Il filo conduttore

13607_Il_filo_conduttore960x350

 

C|E Contemporary Milano
è lieta di annunciare
l’inaugurazione della Mostra/Installazione

IL FILO CONDUTTORE
FEDERICA MARANGONI

a cura di Gabriella Belli

venerdì 8 maggio 2015 alle ore 18.00

Venezia, Ca’ Pesaro
Galleria Internazionale d’Arte Moderna

dal 6 maggio al 13 settembre 2015

Un filo di luce, “il filo conduttore” in cracked neon rosso always in motion, è il filo della vita e delle emozioni dell’artista veneziana Federica Marangoni, che per MUVE Contemporaneo – la proposta della Fondazione Musei Civici di Venezia in concomitanza con la Biennale d’Arte – propone dall’8 maggio a Ca’ Pesaro una mostra/installazione forte e spettacolare.

Un rivolo rosso di energia e sangue – visibile soprattutto di sera – taglia rigorosamente la bianca facciata di Ca’ Pesaro, dal tetto fin quasi all’acqua del Canal Grande, dove incontra una Venere tecnologica, una gigantesca bobina in sottile ed effimera lastra di vetro sul cui asse si avvolge.

Dalla facciata si giunge poi all’interno del museo, nell’Androne al piano terra, dove due sale sono collegate e segnate proprio da quel filo rosso che qui diventa un rivolo di sangue che scorre in un ammasso di filo spinato a simboleggiare il “dramma dell’umanità”: “IS NOT A GOOD DAY TO BE HUMAN” è scritto dietro a una mendicante e all’ammasso di filo spinato, mentre scorrono, al ritmo del battito del cuore, immagini sconvolgenti di rotocalchi e giornali.

La “barriera” di filo spinato continua nella sala adiacente, attraverso un ampio passaggio aperto, dove è proiettato il video TOLERANCE IN TOLERANCE che propone una sequenza di un centinaio d’immagini drammatiche.

Sono questi i segni tipici del lavoro di Federica Marangoni, che parla della libertà dell’individuo e del caos in cui l’umanità si dibatte

Comments are closed.